News — 13 dicembre 2010 at 10:47

VIDEO COMPLETO del Convegno : Le Ragioni di chi si Oppone alle Grandi Opere Inutili.

Convegno : Le Ragioni di chi si Oppone alle Grandi Opere Inutili.
Presentati da Paolo Prieri e Claudio Cancelli, sono intervenuti degli esperti veri, che lavorano nei settori tecnici ed economici su cui hanno relazionato.

Le Ragioni di chi si Oppone alle Grandi Opere Inutili. from QUI TORINO LIBERA on Vimeo.

Gli interventi sono stati intervallati da collegamenti con altri esperti e Comitati di lotta in Italia e in Europa, che riporto nell’ordine (in modo da favorire la ricerca nel VIDEO) :

– Carla MATTIOLI (sindaca di Avigliana), che tra l’altro ritiene necessaria una risposta agli slogan e alle cose non vere contenute nelle 30.000 lettere che Virano sta inviando ai cittadini;

– Sandro PLANO (presidente Comunità Montana), che ha affermato la necessità di utilizzare le risorse per le piccole opere utili e ha ricordato che lunedì 13 una delegazione della Comunità Montana porterà alla Commissione Europea a Bruxelles le delibere dei Comuni contro il TAV;

– Roberto VELA (ingegnere progettista di linee AV), che ha riassunto per capi le 105 pagine di contestazioni presentate dalla commissione di esperti della Comunità Montana (di cui lui fa parte) al Progetto Preliminare della Tratta internazionale del TAV fatta da LTF;

– Comitato NO PONTE in videocollegamento da Reggio Calabria)

– Gerardo MARLETTO (docente di economia dei trasporti), che ha ricordato che un obbiettivo della Comunità Europea è per uno sviluppo sostenibile : per i trasporti le risorse delle grandi opere dovrebbero essere dirottate per una mobilità sostenibile, con una diversa politica dei trasporti, ma soprattutto i centri urbani, che non può vedere quindi prioritario il TAV

– Comitato di via Carracci di BOLOGNA in videocollegamento, che ha accennato ai disastri provocati da un cantiere di soli 900 metri!

– Sergio ULGIATI (professore di Napoli che studia la valutazione dell’impatto ambientale e il ciclo di vita), in videocollegamento ha ricordato la tesi di dottorato del suo allievo Mirko Federici

sul consumo energetico delle linee Alta Velocità, sfatando la leggenda del minor consumo del TAV rispetto alla ferrovia normale: considerando il consumo complessivo l’energia consumata risulta invece il doppio;

-Saluto da NOTAV di Porogruaro, in videocollegamento, che stanno iniziando solo ora ad opporsi al progetto per la tratta Venezia-Trieste che sarà presentato a fine anno;

-Nino De Amicis ha portato il saluto della Fiom e di Lavoro e Società della CGIL, da sempre oppositori del TAV;

– Ivan CICCONI (esperto appalti, architetture contrattuali e finanziarie, attuale Direttore di ITACA- Istituto per la Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale), che ha denunciato la connivenza tra governi Prodi (prima ancora di Berlusconi) e Montezemolo, Della Valle, Punzo, Cipolletta ecc per l’ assegnazione in trattativa privata a NTV del contratto con RFI dal 2011 per 10 anni (A questo proposito vedere l’articolo del Fatto quotidiano del 24 settembre 2009 di Sandra Amurri : “Ntv, un regalo del governo Prodi a Montezemolo e Della Valle” su http://www.finanzaonline.com/forum/arena-politica/1110018-arrivano-i-treni-privati-ntv-un-regalo-del-governo-prodi.html)

– Collettivi NON LGV dei Paesi Baschi francesi, in videocollegamento, che si oppongono alla linea AV Bordeaux verso il sud con costo di 20 Miliardi di euro e linee attuali sottoutilizzate, stessa situazione della Val Susa;

– Lettura della lettera del deputato europeo irlandese da Joe Higgin (VEDI ALLEGATO);

– Comitato 3.32 dell’AQUILA che in videocollegamento ha denunciato la gestione della Protezione Civile che con l’uso perverso dell’emergenza, oltre a non ricostruire il centro storico ha distrutto la democrazia;

– Comitati NO AL SOTTOATTRAVERSAMENTO AV DI FIRENZE, contro il tunnel di 7,5 Km che vogliono costruire sotto una città d’arte e in videocollegamento ha ricordato anche Pietro Mirabelli, difensore dell’ambiente e dei lavoratori;
– Movimento NO STOCCARDA 21: la loro lotta contro la costruzione della stazione sotterranea e la conseguente distruzione del parco cittadino, è stata spiegata da Martina (NOTAV di Torino) e con videocollegamento da Stoccarda con Sabina, abbiamo potuto vedere video dei presidi, momenti della lotta e l’intervista a uno scrittore che appoggia il movimento sulla truffa della conciliazione portata avanti dal Governo;

– Elio Acquaviva ha portato il saluto del Comitato NOTANGEST di Torino, spiegando il vero scopo della costruzione della via di traffico (non è una tangenziale !) : favorire lo spostamento delle merci (trasformando tutta l’Italia in una piattaforma logistica), non migliorare la viabilità del Torinese, che si potrebbe attuare con una spesa inferiore al Miliardo di euro preventivati;

– Comitati popolari TERZIGNO E AREA VESUVIANA, in videocollegamento da Terzigno (anche se non dalla rotonda perché la polizia ha fatto togliere la corrente!), ha denunciato come in pratica lo Stato si sia sostituito alla camorra continuando a non lasciare la parola ai cittadini : la lotta per poter avere delle prospettive di vittoria, deve essere continuata tutti insieme;

– Comitato NODALMOLIN in videocollegamento da Vicenza che ha denunciato lo scempio della costruzione della nuova base anche per le falde acquifere e il tradimento del Sindaco eletto con l’appoggio dei cittadini contrari alla base, che adesso lascia fare;

Hanno concluso Alberto Perino e Claudio Giorno