News — 28 agosto 2010 at 14:12

Stoccarda si ribella alla nuova stazione con annessa linea Tav

FRANCOFORTE. Stoccarda si ribella alla nuova stazione con annessa linea Tav. Il movimento di protesta, guidato dai verdi e che vede manifestazioni quasi giornaliere dall’inizio di agosto, è sfociato mercoledì sera in scontri con la polizia quando i dimostranti hanno cercato di impedire l’inizio dei lavori di demolizione della vecchia stazione. Ieri pomeriggio i poliziotti hanno poi sgomberato sette manifestanti che avevano occupato il tetto di una delle due ali per impedirne la demolizione. Un’altra protesta è in programma per stasera.
Il progetto Stuttgart 21 prevede la sostituzione della stazione centrale “di testa” (come a Milano e Roma) con una “passante” (come quella di Bologna) interamente sotterranea, che si collegherebbe a una nuova linea Av di 60 chilometri verso l’aeroporto e poi Ulm; tale linea è inserita nella “grande direttrice Parigi-Budapest”. Costo totale dei due progetti (impossibili da separare), sette miliardi di euro secondo le stime attuali, cresciute del 75% – ancor prima che si inizi a scavare – rispetto ai quattro miliardi calcolati nel 2003. Il costo verrebbe ripartito tra Stato (un terzo circa), land del Baden-Württemberg, città di Stoccarda e ferrovie.
Vantaggi, secondo i proponenti: riduzione da 2 ore e 30 a 2 ore del tempo di viaggio per Monaco di Baviera, migliore collegamento con l’aeroporto e liberazione di un’area di circa un chilometro quadrato in pieno centro, di cui il 20% verrebbe destinato ad ampliare in parco e il resto a progetti immobiliari. Gli avversari criticano l’esplosione dei costi, ribattono che proprio l’aspetto immobiliare del progetto è il più significativo, mentre la nuova stazione sotterranea a 8 binari (contro i 16 dell’attuale) sarebbe in realtà meno efficiente e lo scavo della linea Av sotto le colline a est della città presenterebbe consistenti rischi geologici; propongono invece una modernizzazione di quella esistente.
Tra gli oppositori non ci sono solo verdi ed ex sessantottini: uno degli appelli a sospendere il progetto Stuttgart 21 è stato per esempio sottoscritto da Edzard Reuter, ex presidente della Daimler.
Il progetto, sostenuto da tutte le forze politiche locali tranne i verdi e la Linke – è già stato approvato a tutti i livelli (governo federale compreso). Ricorsi sono stati più volte respinti; ma quel che brucia agli avversari è che il sindaco Cdu di Stoccarda – Wolfgang Schuster, in carica dal 1997 – aveva promesso un referendum sul progetto qualora i costi fossero lievitati di oltre 200 milioni. Nonostante un aumento ancor più significativo, però, il referendum è stato bloccato dal no del sindaco e (per motivi formali) dal tribunale. Ieri il ministro degli Interni del land, Heribert Rech, ha stigmatizzato le proteste che «hanno superato i confini della disobbedienza civile». «Il treno è partito e ormai non si può più fermare», dichiarano gli esponenti politici favorevoli al progetto. Ma proprio sul piano politico il treno rischia di far correre soprattutto i verdi: nelle elezioni del 2009 per i consigli di circoscrizione hanno conquistato il 25% a Stoccarda diventando il primo partito davanti alla Cdu, e la primavera prossima potrebbero salire al 20% nel parlamento del land del Baden-Württemberg. Per la prima volta nella storia di un land tradizionalmente conservatore, i sondaggi ipotizzano una possibile maggioranza rosso-verde.
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2010-08-27/stoccarda-protesta-verde-stazione-080524.shtml?uuid=AYY2nAKC#continue