News — 28 settembre 2010 at 09:33

Comunicato Stampa dalle valli No TAV

Comunicato Stampa – Press Release

dalle valli No TAV  –  from No TAV valleys

27.9.2010

Il Parlamento Europeo e la Commissione incontrano cittadini No TAV : la Torino – Lione non si farà …

European Parliament and Commission will meet No TAV citizens : the Lyon-Turin railway will not be done …

Una Delegazione No TAV in rappresentanza delle popolazioni in lotta contro il TAV Lione-Torino sarà ricevuta mercoledì 29 settembre 2010 a Bruxelles dalla Commissione per le Petizioni del Parlamento Europeo allo scopo di illustrare le ragioni che impediscono la realizzazione della nuova linea ferroviaria.

La delegazione illustrerà alla Commissione delle Petizioni riunita in plenaria una relazione dal titolo: “Ecco perché la nuova linea ferroviaria Progetto Prioritario TEN-T n. 6 Lione-Torino non sarà costruita”. Questa incontro avviene a richiesta della Commissione delle Petizioni che ascolterà tre cittadini firmatari di Petizioni inviate al Parlamento Europeo nel 2003, 2007 e 2008. Le relazioni daranno enfasi alle questioni ambientali, al ciclo di vita dell’opera in relazione alle emissioni di CO2, alla certificata opposizione dei territori, ai processi decisionali antidemocratici messi in atto dall’Osservatorio, ai costi presentati nel progetto preliminare. Saranno consegnati numerosi documenti reperibili nei siti del Movimento No TAV..

Il giorno seguente una delegazione di Pro Natura incontrerà la Commissione Europea per firmare l’accordo che metterà a disposizione dei cittadini tutta la documentazione europea e nazionale relativa alla prospettata nuova linea ferroviaria Lyon – Torino.

La Commissione Europea – Direttorato Generale Mobilità e Trasporto ha già dichiarato il suo accordo a mettere a disposizione di Pro Natura, associazione che sostiene sin dall’inizio le lotte No TAV, tutti i documenti ricevuti ed emessi dal Parlamento, dal Consiglio e dalla Commissione relativi al Progetto Prioritario n. 6 Lione-Torino. Questa collaborazione discende dall’applicazione della Convenzione di Aarhus ratificata dall’Italia e dall’Unione europea. Durante l’incontro la Commissione Europea ascolterà anche le ragioni che impediscono la realizzazione di questa nuova linea ferroviaria e riceverà inoltre il contributo del Movimento No TAV alla consultazione sul futuro dei progetti TEN-T. Maggiori informazioni sui siti del Movimento No TAV.


A No TAV delegation representing the populations in the fight against TAV (High Speed Train) Lyon-Turin will be received Wednesday, September 29, 2010 in Brussels by the Committee on Petitions of the European Parliament in order to explain the reasons that prevent the creation of new railway line.

The delegation will present to the Committee on Petitions in a plenary meeting a report entitled: “That’s why the new railway line TEN-T Priority Project 6 Lyon-Turin will not be built”. This meeting takes place at the request of the Committee on Petitions that will hear three citizens who signed petitions to the European Parliament in 2003, 2007 and 2008. The reports give emphasis to environmental issues, life-cycle of the new railway in relation to CO2 emissions, the certified territories opposition, the undemocratic decision-making process implemented by the Observatory, the costs presented in the draft. Numerous documents will be delivered and can be found visiting the web sites of the No TAV Movement.

The following day a delegation of Pro Natura will meet the European Commission to sign the agreement that will provide citizens with all European and national documents relating to the proposed new railway line Lyon – Turin.

The European Commission – Directorate General for Mobility and Transport has already declared its agreement to provide to Pro Natura, an association that supports the struggles from the start No TAV, all documents received and issued by Parliament, Council and Commission relating to the Project Priority no. 6 Lyon-Turin. This collaboration stems from the Aarhus Convention ratified by Italy and the European Union. During the meeting the European Commission will also hear the reasons that prevent the creation of this new railway line and will also receive the No TAV Movement response to the consultation on the future of TEN-T. More information about visiting the web sites of the No TAV Movement.

1989 – 2010 : 21 years  of  popular  opposition  to  the  new railway  line  Lyon – Turin

No TAV Movement: A  guarantee for the future