News, post — 15 aprile 2014 at 14:02

Appello: Contro la vendetta di stato, per la giustizia. Con Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò, per tutte e tutti noi.

liberi(Agg.9/5) [eng version – de version] ]Anche noi saremo a Torino, il 10 maggio, per far sentire la nostra solidarietà a Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò.

Chiara, Claudio, Mattia, Niccolò. E’ importante ripetere i nomi, è importante scandirli perché stiamo parlando di quattro vite, quattro esseri umani, quattro attivisti No Tav che dal 9 dicembre 2013 sono imprigionati, sparpagliati tra le carceri di Alessandria, Ferrara e Roma, sottoposti a un regime di alta sicurezza (AS2).

Per noi come per la popolazione della Val di Susa questi prigionieri sono fratelli e sorelle, parte della comunità che da più vent’anni resiste a una «grande opera» inutile e insensata, macchina mafiogena ed ecocida, meccanismo divorasoldi e divoramontagne imposto al territorio con prepotenza, ottusa arroganza e metodi prettamente autoritari.

Per noi prendere posizione è facile, è scontato. Ma anche chi non si è mai informato su questa lotta, e come molti è stato indotto a guardarla con sospetto, dovrebbe allarmarsi per quanto sta accadendo. E’ una vicenda che racconta una storia più grande, che rischia di ingrandirsi ulteriormente e coinvolgere sempre più persone. Tu che leggi, con quale certezza puoi dirti al sicuro? Come dice il motto latino: «de te fabula narratur». Forse questa storia parla già di te.

Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò vengono spacciati per terroristi e, a poco più di vent’anni d’età, si trovano a rischiarne trenta di prigione. Il processo inizierà il 22 maggio. Di cosa sono accusati, esattamente?

Sono accusati di aver partecipato a una iniziativa durante la quale venne danneggiato un compressore. Cioè un oggetto inanimato. Una cosa, fatta di metallo e fili.

Quella notte, non un poliziotto né tantomeno un operaio del cantiere TAV furono sfiorati, nemmeno alla lontana.

L’accusa di terrorismo e il regime di alta sorveglianza trovano il loro appiglio nell’art. 270 sexies del codice penale, incartato nove anni fa dentro uno dei tanti «pacchetti sicurezza» propinati a un’opinione pubblica in cerca di facili rassicurazioni. Era il luglio 2005, c’erano stati da poco gli attentati alle metropolitane di Madrid e Londra.

Coincidenza: quello stesso anno il movimento No Tav conseguì la sua più importante vittoria sul campo, bloccando e scongiurando l’apertura del cantiere per il cunicolo geognostico previsto a Venaus. In apparenza non c’entra, e invece c’entra, perché nel 270 sexies si legge (corsivo nostro): «Sono considerate con finalità di terrorismo le condotte che, per la loro natura o contesto, possono arrecare grave danno ad un Paese o ad un’organizzazione internazionale e sono compiute allo scopo di intimidire la popolazione o costringere i poteri pubblici o un’organizzazione internazionale a compiere o astenersi dal compiere un qualsiasi atto […]»

Dato che il movimento No Tav vuole impedire il colossale sperpero del TAV Torino-Lione, ogni iniziativa in tal senso può essere ricondotta a «finalità di terrorismo».

Ecco perché nessuno è al riparo da questa accusa.

Per due PM e un GIP della procura di Torino, Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò hanno cercato di «danneggiare l’immagine dell’Italia».

Proprio così, ripetiamolo: «danneggiare l’immagine dell’Italia».

Quale Italia sarebbe stata danneggiata nella sua immagine dai No Tav che stanno per andare a processo?

L’Italia che i poteri costituiti vedono «diffamata» dai No Tav è forse quella della dignità, della solidarietà, della partecipazione democratica? O è piuttosto quella di un certo «sviluppo» che serve solo il malaffare, della simbiosi tra partiti e cosche criminali, degli appalti sospetti, del lavoro con molti ricatti e pochi diritti, dei veleni e del biocidio?

Quella che stiamo descrivendo è solo la punta più avanzata di una strategia che la Procura di Torino ha avviato da tempo. Attivisti accusati di stalking, ambientalisti accusati di procurato allarme, ragazzi accusati di sequestro di persona, sindaci condannati a pagare cifre astronomiche, mesi di galera per la rottura di un sigillo, processi tenuti in aule-bunker…

La pretesa di affrontare un problema politico e tecnico come quello della Torino-Lione attraverso la repressione giudiziaria e poliziesca sta avendo e avrà sempre più conseguenze devastanti. Devastanti non solo per il vivere civile, ma soprattutto per quattro ragazzi che rischiano di passare la loro gioventù in prigione, perché qualcuno ha deciso di schiacciare la resistenza valsusina sotto un tallone di ferro.

Se sottoporre i quattro ragazzi al regime di Alta Sicurezza 2 doveva spezzare loro e far vacillare il movimento no tav, possiamo dire con certezza che non è servito.

Non è servito l’isolamento imposto ben oltre il periodo delle indagini, contro quel che si legge nell’articolo 33 dell’ordinamento penitenziario e nell’art. 3 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Non sono servite la drastica limitazione delle ore d’aria, la censura della posta la riduzione delle visite (permesse solo ai famigliari in senso stretto, quindi non a compagni/e di vita e conviventi).

Non è servita nemmeno la criminalizzazione mediatica.

Da dietro le sbarre, Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò hanno spedito lettere mai rassegnate, spesso ironiche, provocatorie, briose. Hanno chiesto per sé più repressione, più isolamento e il divieto di mangiare, hanno chiamato a testimoniare per la difesa «mio cugino che mi vuole tanto bene»… Dulcis in fundo, hanno suggerito di aggiungere Dudù il cagnolino di Berlusconi, alla surreale lista di «parti offese» stilata dai PM.

Lista che oggi include, senza il minimo intento umoristico, la Commissione Europea, il Consiglio dei Ministri, il III Reggimento Alpini di Pinerolo, i carabinieri di Sestriere, la P.S. di Imperia, la Guardia di Finanza di Torino…

Il 10 maggio si va in piazza.

A sostegno delle vere «parti offese».

Per la libertà di Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò, e per la libertà di tutti.

Per l’aria, l’acqua, il suolo e la salute pubblica della Val di Susa, dell’Italia e del pianeta.

Contro l’oscena accusa di terrorismo.

A Torino, alle 14, in Piazza Adriano.

Noi ci saremo.

Primi firmatari: Marco Aime (antropologo e scrittore) – Paolo Cacciari (giornalista) – Pino Cacucci (scrittore) – Massimo Carlotto (scrittore) – Giulietto Chiesa (Giornalista) – Girolamo De Michele (scrittore) – Valerio Evangelisti (scrittore) – Sabina Guzzanti (attrice e regista) – Loredana Lipperini (giornalista, conduttrice di Fahrenheit) – Valerio Mastandrea (attore e regista) – Maso Notarianni (giornalista-Peace Reporter) – Alberto Prunetti (scrittore) – Serge Quadruppani (scrittore) – Edoardo Salzano (Urbanista) – Vauro Senesi (editorialista e vignettista) – Cecilia Strada (presidente Emergency) – Guido Viale (economista) – Wu Ming (collettivo di scrittori) – Zerocalcare (fumettista)

Per aderire all’appello scrivere indicando nome e cognome a appello10maggio@gmail.com

Le adesioni sono in aggiornamento:
Ascanio Celestini (attore) – Alberto Airola (portavoce al Senato del M5S) – Alberto Giovanni Biuso (docente universitario) – Gian Paolo Serino (critico letterario) – Raphael Zanotti (giornalista) – Marco Scibona (senatore M5S) – Liliana Gualandi (giudice onorario al tribunale dei minori di Milano) – Andrea Fumagalli (economista) – Claudio Calia (fumettista) – Ugo Mattei (giurista) – Peter Freeman (giornalista e regista) – Andrea Doi (giornalista) – Cristina Morini (saggista e scrittrice) – Domenico Finiguerra (campagna Stop al consumo del territorio) – Walter Ferrari (docente universitario di Storia, scrittore) – Vito Crimi (senatore M5S) – Marco Philopat (scrittore) – Nicola Morra (senatore M5S) – Maksim Cristan (scrittore) – Daria Spada (cantante lirica) – Mariano Tomatis (illusionista e scrittore) – Paolo Sollier (allenatore e scrittore) – Alessandro (Bibi) Bozzato (regista e documentarista) – Agenzia X (casa editrice) – Slavina (scrittrice e performer) – Société Ethnobotaniqua Alpine, Moncenisio – Tania Preste (storica) – Enrico Rennella (Ricercatore CNRS) – Maurizio Pagliasotti (giornalista) – Lionello Gioberto (sindaco) – Ugo Lucignano (Direttivo provinciale CGIL) – Elena Emilia Cicorella (scenografa) – Margherita Fina (musicista) – Sandro Moiso (scrittore) – Milvia Comastri – Roberto Gastaldo – Alfredo Simone (giornalista) – Ettore Luzi (Ricercatore UNIFI) – Fiammetta Benati – Paolo dalla Zonca (produttore radiofonico) – Simone Garino (musicista) – Florian Mucci – Silvia Grinzato (sindacalista CGIL) – Lisa Rigotti – Roberto Dosio (medico) – Michele Di Filippo – Daniele Contardo (musicista) – Tullio Florio (impiegato) – Daniele Verdolini – Ada Rota (docente università di Torino) – Niccolò Busatta – Associazione FabioNews – Liliana Piattone – Mimmo Stolfi (giornalista) – Davide Garetto – Alessandro Saulini – Giacomo Ortona – Piero Leodi (redattore) – Silvano Raise – Francesco Molinari (avvocato) – Ilaria Cesarino – Camilla Zenobi (operatrice telefonica) – Francesca Pellegrino – Franco Cometa – Giorgio Bianco – Paola Arioli – Fabio Luca – Gianfranca Fois – Ferruccio Rizzi (amministratore pubblico, pensionato) – Gisella Arioli – Giulio Nassini – Manuel Messina (avvocato) – Massimiliano Martelli (PRC di Latina) – Maria Luisa Loche – Claudio Durandetto – Nathalie Molin – Roberta Cicorella (impiegata) – Enrica Noseda – Antonio Granieri (architetto) – Chiara Tasselli – Azienda Agricola “Lou Rampar”, Torre Pellice – Comunità Forestale della Costa, Torre Pellice – Jacopo Rothenaisler – Giuseppe Titone (pensionato) – Patrizia Ravera – Luigi Chiarella (attore, drammaturgo) – Graziella Teti – Paolo Miletto – Donella Clarotti – Spaliviero Gian Paolo (scrittore e disoccupato) – Luigi Antonozzi – Alessio Calvitti – Nicola Romana – Giovanni Iaderosa (medico) – Sara Staffieri – Paolo Cirelli – Paola Lucarelli – Linda Confalonieri (performer) – Laura Colonna (performer) – Luigi Petronella – Mira Mondo – Nicoletta Maldini (libraia) – Silvio Panatta – Francesca Frigeri – Giulia Gadaleta (bibliotecaria) – Valentina Pasquale – Simone Scaffidi Lallaro – Roberto Visentin – Bruno Carpani – Roberto Solari (ANPI Mirano) – Tiziana Quirico – Nadia Crepaldi – Viviana Colla – Mario Guanziroli – Nicola Bertasi – Melina Caudo – Francesco Russo (funzionario pubblico precario) – Cristiana Rita – Consuelo Possenti – Salvatore Giaconia (artista) – Davide Morra – Anna Balderi – Fausto Gianelli (avvocato) – Stefano Bonino – Luca Leoni – Livia Grossi – Elisa Tenconi – Rosanna Zanella (traduttrice) – Simona Sorrentino – Stefania Di Campli – Rosa Mordenti – Maurizio Colognola – Agnese Baini – Massimo Galeazzo – Stefano Assogna – Gabriele Mainetti – Alba Bus (impiegata) – Alfredo Moretti (formatore) – Dora Esposito – Marco Fiorencis – 99 POSSE –

Gustavo Esteva Figueroa (Universidad de la Tierra, Messico) – Monica Mazzitelli (scrittrice e regista) – Fabrizio Lorusso (giornalista) – First Line Press – Osservatorio sulla Repressione – Collettivo Senza Slot Pavia – Elena Giuliani (comitato Piazza Carlo Giuliani) – Italo Di Sabato – Lorenzo Armando (editore) – Maurizio Vito (University of Arizona) – Gilberto Calzolari (medico) – Carlo Zucchetti – Paolo Voltolini (Università di Ottawa) – Eugenio Losco (avvocato) – Circolo “Comandante Muro” ANPI Piacenza – Franco Pezzini (saggista) – Arnaldo Reviglio (consigliere comunale Avigliana, capogruppo Avigliana Città Aperta) – Gianluca De Angelis (ricercatore) – Fulvio Grimaldi (giornalista) – Sandra Paganini (insegnante) – Alessandro Peregalli – Liliana Omegna – Marta Finotti (legalteamitalia) – Tamara Bartolini (attrice) – Anna Patrizia Patrignani – Luca Demicheli (musicista) – Luca Filisetti – Lucietta Bellomo (segreteria provinciale PRC Biella) – Stefano Girard (candidato M5S elezioni europee) – Marta Tondo – Vincenzo Bolognese (musicista) – Federico Milano (avvocato) – Francesco Giuseppe Conti – Fabrizio Salmoni (giornalista) – Lucia Tartaglia (operaia) – Cristiana Spinoni – Renato Sibille (teatrante) – Danilo Rossi (musicista) – Fausto Renado (delegato CUB) – Liliana Sacchi – Mario Cena (metalmeccanico) – Marco Bon – Rosanna Carpentieri – Rosa Maria Colognola – Michelangelo Lanza – Greta Del Fabbro – Paolo Sammuri – TG Vallesusa – Federico Repetto – Cristina Claro – Sara Bianchi – Pietro Deandrea – Franco Favro (pensionato) – Martino Coppola (geometra) – Maurella Bianco – Giulia Franchi (land compaigner Re:Common) – Elena Gerebizza – Antonio Tricarico – Oliviero Matta – Sonia Marzullo – Elena Bondi – Tancredi Tarantino – Carlo Dojmi di Delupis (grafico) – Diego Gullotta – Davide Gastaldo – Anna Grassini – Nadia Bagni – Marco Arturi (Fiom) – Anna Lucia Tomelleri – Gemma Romano – Luca Carboni (graphic designer) – Claudio Sbrago – Alberto Agliotti – Clara Vajthò (animatrice e poeta) – Cristina Campanerut – Barbara Ombrella – Andrea Ullo (set painter) – Giorgio Moro – Ludovico Cassetta – Enrica Paccoi – Alessandra Pavanello – Ignazio De Simone (musicista) – Roberta Dalpasso (impiegata) – Martina Pagliucoli – Luca Piercecchi (traduttore) – Veronica Siracusano Raffa – David Biagioni – Francesco Talanti (studente, lavoratore) – Alessandra Spillabotte – Tiziano Berardi (musicista) – Luca Ardemagni – Francesco Cecchini (scrittore) – Leonella Basiglini – Alessandro Bastasi – Antonello Martelli – Chiara Marzocchi – Alessandro Tagariello (docente) – Mario Bertea (USB Comune di Torino) – Tiziana Liguori – Andrea Rapini – Michela Damasco – Ingrid Anastasia Pedrazzini (laureanda in filosofia) – Marco Barone (blogger, attivista) – Sara Boschi – Livia Vittoria Claudia Brambilla – Paolo Bazzicalupo – Paola Di Paolo – Marcello Cavalieri (impiegato) – Luca Casarotti (collaboratore di Carmilla) – Daniela Maldera (operatore culturale) – Mariella Meo – Renato Rocci – Pierluigi Richetto – Gino Folletti – Fiorenza Bettini (attivista del Forum dei Movimenti per l’Acqua) – Nataniela Piccoli – Michaela Uccelli – Francesca Maratia – Francesca Pesce – Martina Grifoni – Fabio Urbinati – Raffaella Formato – Matteo Urbinati – Francesco Urbinati – Vladimiro Lionello – Caterina Greco – Claudia Pavan (assistente alla regia) – Paolo Ranucci – Mariagrazia Tesse – Beatrice Zuccaro – Salvatore Talia – Lorenzo Mancuso – Gaia Capogna – Daniela Pantaloni (ex insegnante di diritto) – Roberto Colarullo (ex insegnante di diritto) – Christian Nasi – Lisa Bonnet – Barbara Parracino 

Moni Ovadia – Teatro Valle Occupato – Chiara Belingardi – Teresa Serra – Valter Calcagno (insegnante) – Spazio Sociale La Boje!, Mantova – Margherita Dametti – Alice De Paolo (studentessa) – Lara Pipitone (insegnante) – Loretta Muner Pasta – Sebastiano Pasta – Luigi De Santis – Nicoletta Orlandi Posti – Erica Bianchi – Paola Slaviero – Mila Contestabile (insegnante) – Domenico Caffo – Angelo Marino – Greta Storni (maestra) – Franco Ranghino (Crac Autoproduzioni Sotterranee) – Andrea Riva – Gianluca Fausto Lazzari (docente) – Circo Bidone – François Bidon – Colette Audebert – Bénédicte Melin – Marco Gottardello – Marisa Peisino – Regina Bosco – Andrea Sciuto (insegnante) – Cecilia Zanni (musicista) – Laura Bennati (candidata sindaco “Una Città in Comune”, Firenze) – Barbara Breyhan (danzatrice) – Edda Bruna Bellavista – Angelo Riboni – Matia Angela Zerbinati (pensionata) – Federico Pastina – Maria Teresa Crosta (ricercatrice) – Chiara Lazzari – Luca Gianotti – Federica Cocozziello Visconti – Marco Santoro Verri – La Rocha (gruppo folk punk salentino) – Bruno Carini (pensionato) – Antonella Pollero (insegnante) – Kati Lipani – Fernanda Sorrento – Francesca Frediani (Candidata M5S Regione Piemonte) – Emanuela Galli Ligal – Laura Bernocchi – Sara Deledda – Alessandro Matteoli – Milena Willenpart – Daniela Chisselli – Marica Cassola – Fabrizio Torricelli (orientalista) – Tiziana Geraci (architetto, candidata portavoce EU M5S) – Vita Matera (InfoRepressione24) – Roberta Traversa – Paolo Savoia (storico) – Maria Valeria Della Mea (operatrice teatrale) – Stefano Dragoni (imprenditore) – Antonella Repetto – Roberta Olga Vair (farmacista) – Léo Royer – Claudio Delfino – Claudio Caffagni – Bianca Bosia – Grazia Tomaino – Francesco Della Puppa (ricercatore precario) – Mauro Galliano (assessore valsusino) – Luca Pellegrino (informatico) – Luciana Cisbani (traduttrice) – Marisa Rossi (docente) – Paolo Masala (anarchico) – Roberta Rodriquez – Massimiliano Orlando – Giovanni Fois (pensionato Vigile del fuoco) – Roberta Magrini – Roberto Trioschi – Paolo Zanotti – Lorenzo Cristofani – Nadia Lucia Luisi – Caterina Arlorio – Annalisa Battù – Guido Boffi (ricercatore universitario) – Maria Luisa Tealdo – Pellizzoni Giuseppina – Gandolfo Marco – Fernando Lepori – Stefano Mazza – Laura Zenobi – Raffaele Rago – Concepcion Barragan Sanchez – Gisella Adreani – Manuela Bussacchini (maestra di scuola dell’infanzia) – Letizia Merati – Domenico Argirò (insegnante) – Francesco Martinelli – Mara Di Mattia (assistente sociale) – Giorgio Vair (vice sindaco di San Didero, pensionato) – Fabio Contestabile – Valentina Colletta (avvocato) – Anna Maria Byron – Marisa Ghiano – Davide Masoero (matematico) – Domenico Girodo – Mario Fucile – Ester Cavallo – Donatella Giunti – Nicola Marroccoli – Cinzia Lamanna (donna Legambiente) – Marco Calliari (fonico) – Filippo Contestabile (ingegnere) – Luciana Marangon – Sara Chierici – Marina Cismondi – Cristina Torniamenti – Giovanni Guerini – Giulia Guerini – Rosanna Taberna

Max Casacci – Samuel Umberto Romano – Luca Vicini – Giorgio Sacchetti (professore universitario di Storia contemporanea) – Andrea Griseri (Pro Natura Piemonte) – Fabrizio D’Ottavio (archeologo) – Espace Populaire, Aosta – Egin (patchanka band) – Lucia Citterio (danzatrice) – Davel Puente Hoces – Gea Scancarello (giornalista) – Marco Bendinelli (giornalista Radio Onda d’Urto, Brescia) – Sergio Lampo – Davide Sisto (ricercatore) – Aljosha Stramazzo (direttivo Cgil CDL di Torino) – Area congressuale Cgil “Il sindacato è un’altra cosa” di Torino e nazionale – Stefania Serafini – Claudia Berton (insegnante, scrittrice e nonna) – Elisabetta Vergani (attrice) – Associazione La Fonte Acquariana – Piera Pareti – Santino Spinali – Emanuele Magliano – Steven Forti (ricercatore universitario) – Maja Perk – Ivan Magliano – Stefania D’Uva – Roberta Pozzoni – Stefania Sanna – Roberta Rampinelli – Maura Manganelli – Alessandro “benni” Parlante (musicista, giornalista) – Stefania Ruggeri – Monica Marino (traduttrice) – Silvia Pedrini (studentessa) – Lionel Menissez – Paola Tracogna (ufficio stampa precaria) – Riccardo Infantino – Alessia Marrocu – Paola Epis – Valerio Beffa (musicista) – Massimo Caravello – Paolo Piantanida – Sara Lucrezi (studentessa) – Salvatore Fazio – Daniela Rosso-Chioso – Giampietro Ronchetti – Giovanna Ronchetti-Peduzzi – Sonia Antoniazzi – Mauro Martello (impiegato) – Moira Mariotti – Simonetta Valenti (libraia) – Claudio Venza – Rosanna Bonaudo (insegnante scuola primaria) – Daniela Caramel (pensionata) – Luciana Crosazzo – Giancarlo Lepore – Francesca Romana Basili – Tina Comba – Nino Casciaro – Bonifacio Giudiceandrea – Giulia Marconi – Aurora Vescera – Carla Capone (ingegnere) – Domenico “Mimmo Effe” Filippone (anarchico) – Federico Duma – Lara Procaccini – Ornella Politano – Shanyn Taverna – Simona Sacchi – Federico Pacifici – Sabrina Salerno (cittadina libera e pensante) – Angiolo Cirinei – Anarchici Colcitronesi, Arezzo – Giulia Russo – Victor Mastrodonato – Roberto Grienti – Lidia Seravalli – Rocco Baiocchi – Franca Lucarelli – Massimo Lo Sciuto (sistemista rete dati) – Vito Marino – Attilio Parapini – Ornella Costanzo – Luciano Boron – Donatella Quattrone – Teresa Casalino – Anna Chiambretto (architetto) – Santo Abbattista – Francesco De Zorzi (studente) – Celestina Miolli – Federico Dalla Bona (analista tecnico indipendente) – Lucilla Barchetta – Luigi Santapaga (imprenditore) – Sabrina Cervellati (imprenditore) – Marco Leonardi (biologo) – Dario Verrilli – Ivan Liuzzo – Maurizia Nuvoli (insegnante) – Mirco Veronesi – Silvia Magoni (libera professionista) – Michele Rizzo – Giovanni Condina – Carla Crosazzo – Rossana Lavazza – Bianco Pierenzo – Stefano Brovelli – Giuseppe Patti – Ester Lucchesi Palli – Lorenzo Cristofani – Ilario Meandri – Vincenzo Riso (architetto) – Vincenzo De Geronimo – Andrea Braito – Mariacristina Spina

Daniele Gaglianone (regista cinematografico) – Gaetano Alessi (sindacalista, premio “G. Fava” per il giornalismo antimafia) – Teho Teardo (musicista) – Fabrizio Biolè (consigliere regionale) – L’Asilo (comunità di lavorat* dello spettacolo e dell’immateriale, Napoli) – Emilio Delmastro (Pro Natura Torino) – Enrico Manera (docente e ricercatore in storia delle idee) – Pinuccia Caracchi (docente universitaria) – Paolo Barrucci (docente universitario) – Gabriella Paolucci (sociologa, Università di Firenze) – Giovanni Scotto (Università di Firenze) – Mirko Pusceddu (ex lavoratore ThyssenKrupp Torino) – Andy Cordy – Paul Brown – Richard Dyer – Richard Hudson – Leah Hausman – C.S.A. La talpa e l’orologio, Imperia – Alfredo Sasso (ricercatore universitario) – Elisa Adirosi (ricercatrice) – Francesco Mazara Grimani (avvocato) – Stefano Bertone (comitato nolimpiadi! e avvocato) – Stefano Pesca (art director) – Silvio Peron (musicista) – Giulia Torbidoni (giornalista) – Denis Campana (giornalista) – Jadel Andreetto (Kai Zen ensemble narrativo) – Niccolò De Bernardis (studente, musicista) – Anna De Bernardis (studentessa, musicista) – Vittorio Garis (architetto, musicista) – Sandro Sardella (operaio, poeta) – Donatella Paolucci (insegnante scuola primaria) – Roberta Durbiano – Ettore Foggetti (segr. prov. PRC Bari) – Gabriele Urban (responsabile PMLI Piemonte) – Sara Zipi – Gino Zipi – Alberto Ramundo (scrittore) – Bruno Pittau – Walter Dellisanti (ricercatore precario) – Maurizio Corradi (dirigente industria) – Isabella Curto – Luigi Robaldo – Luca Cassine – Maria Giusi Ricotti – Salvatore Manunza – Maria Silvia Andorno – Nicoletta Fonzo – Giulio Bufo (teatrante) – Alice Catti – Valeria Fabbricatore – Sergio Sciambra – Paola Mazzocchin – Donatella Giacotto – Roberto Grimaldi – Marzia Moschetti – Giordano Lovascio – Vincenzo Annese – Maria Pirozzi – Cristiana Erbetta – Giulia Caira – Giorgio Pulini – Matteo Tessarin – Elena Garcea – Maria Sole Abate (cittadina libera) – Davide Marcucci – Sandro Bergero – Manuela Bruschi – Augusto Arnese – Paolo Bruni (antispecisti pratesi) – Maurizio Romano – Floris Maddalena – Federica Piano – Nicola Trezza – Alessio Giaccone (Rifondazione Comunista Cuneo) – Cristina Giudice – Claudio Cossu – Elisabetta Rolando – Massimo Smarra (studente di Chimica) – Chicca Scarfò – Gianluca Platania – Federica Piano (maestra) – Andrea Lazzarotto – Sara Bellinello (pensionata) – Giovanni Franco (pensionato) – Emanuela Cremisi (insegnante) – Cristiana Cavagna – Samuela Mogetta – Paolo Prieri (PresidioEuropa No Tav) – Remigio Eydallin – Carmelo “Elo” Seminara – Martina Moglia – Giulio De la Pierre – Matteo Nardone – Sara Simonetti – Enrico Fossati – Chiara Cremaschini – Danilo Novajra – Elisa Boasso – Ilaria Corda – Sabina Benevolo – Mattia Baratella – Trossero Emanuela – Giusto Costa – Roberta Granata – Paolo Tomatis – Paola Alimonti – Serena Daniele – Monia Caroti – Emanuele Tambuscio – Marta Bianchi – Alessio Barettini – Marco Puppini – Ilaria Ricci – Gabriele Piccablotto – Antonietta Vino – Elena Vezzoli – Elena Camino – Lisa Ariemma – Fabrizio Arietti – Mariano Trevisan – Elia Costa – Mauro Reyna

ARCI Torino – Pietro Ortoleva (professore universitario, Columbia University, New York) – Francesco Bogliacino (professore, Università Konrad Lorenz, Bogotà) – Salvatore Palidda (professore, Università di Genova) – Luisa Morgantini (già Vice Presidente del Parlamento Europeo) – Alessandro Dal Lago – Comitato Madri per Roma Città Aperta – Coordinamento Umbro No E45 – Marcia della Dignità – Claudio Papalia (cineasta) – Collettivo Studentesco Parma – Beppe Caccia (consigliere comunale di Venezia) – Marco Bersani (Attac Italia) – Giacomo Sferlazzo (cantautore/attivista) – Collettivo Askavusa – Sergio Bellavita (FIOM nazionale) – Anna Maria Bruni (giornalista e scrittrice) – Ezio Locatelli (segretario provinciale PRC Torino) – Redazione di Comune-info – Daniela Padoan (scrittrice e candidata alle europee nella lista L’Altra Europa) – Carlotta Erta – Fabio Tita (avvocato) – Massimiliano Rumignani – Antonello Tiddia (operaio Carbosulcis) – Tindaro Bellinvia (sociologo – Carla Luisa Miscioscia (psicologa) – Lorenzo Sibiriu (free-lance videomaker) – Germana Villetti – Gabriele Vinci (operatore sociale) – Vincenza Giuliano – Guido Ramellini – Alfonso Di Stefano (Comitato di base NoMuos/NoSigonella) – Marcello Teti (portavoce del Coordinamento Umbro No E45) – Francesco Blotto – Salvatore Giordano (sociologo, scrittore ed editor) – Mauro Mongittu – Pasquale Lanni (educatore) – Emilia Venturato – Barbara Gammaraccio – Fabrizia Ferrero – Patrizia Casiraro (operatore olistico) – Massimiliano Leo (fotografo) – Isacco Cividini – Valentina Ameglio – Marina Rossini – Silvana Liberali (artista) – Lorenzo Gallo – Angelo Gualdana – Cooperativa La Terra Comune del Monte Peglia – Oliver Haag – Angelo Gualdana – Giorgio Moro – Cristina Veratelli – Oliani Antonio – Laura Milano – Silvio Arcolesse – Roberto Bugliani – Massimiliano Beltramo – Federica Pagella (impiegata risorse umane) – Sandra Budini – Vittorio Fino (artigiano) – Aldo Zanchetta – Fatarella Brunella – Anna Pagnotta (insegnante) – Ida Mauro – Paola “Carla Libera” Lai (comunista-libertaria-anarchica) – Tiziana De Angelis – Alfredo Minoldi – Angelo Caforio – Enzo D’Antonio – Pietro Saitta – Marta Mazzoni (infermiera) – Livia Fenaroli – Giorgio Bolla – Ilaria Bracaglia – Daniele Davini – Fabrizio Gallo (Candidato sindaco M5S per la città di Novi Ligure) – Rosa Bartiromo – Gemma Urbani – Danilo Barreca – Gianfranco Frelli – Simona Mazza – Marco Cavallini – Maria Luisa Venturin (insegnante) – Adriano Chiarelli – Stefano Favro – Giovanni Mastroianni – Francesco Masi (insegnante) – Claudio Oriente – Diego Magro – Carla Prati – Maria Falcitelli – Marcello Lena – Vincenzo Brandi – Marina Minicuci – Adele Cozzi – Renato Turturro – Piero Bartolini – Carlo Gustavo Draghi – Scilla Alberini – Fabio D’Alessandro (Comitato No Muos Niscemi) – Angela Ciambrone – Marco Piccolo – Daniela Piantà – Giancarlo Paciello (studioso della Palestina) – Lorenzo Santinelli – Marco Di Renzo (impiegato) – Emanuela Girardi (medico veterinario) – Alda Predonzani (educatrice) – Maria Colonna – Luca Maionchi (impiegato) – Giosuele Volante – Sandrina Usai – Bruno Teghille – Carlo Galletti (ambientalista) – Isabella Vergnano – Francesca Rocci – Venusta Ingignoli – Simona Salvatori – Carmelo Seminara – Antonio Giovanni Tondo – Michele Piccolrovazzi (assistente sociale) – Barbara Vallero (consulente aziendale) – Tiziana Oldano (pensionata) – Marco Lazzaretti – Margherita Piacenza – Caterina Cimino – Barbara Sossich (insegnante) – Marco Mina – Francesco Savalli – Andrea Roppoli – Giulia Cordella – Vins Gallico (scrittore e libraio) – Roberta Ronchi – Caterina Saggioro – Nicole Werly – Dalila D’Oppido – Giorgia Girometti