post — 19 febbraio 2014 at 09:25

Operazione Hunter: un solo rinvio a giudizio

manifesto_ohI quotidiani piemontesi danno spazio al rinvio a giudizio di uno dei carabinieri protagonisti del pestaggio di un manifestante il 3 luglio del 2011 . Si tratta di uno dei protagonisti dell’operazione Hunter, con cui il movimento No Tav denunciò minuziosamente il pestaggio di due manifestanti, arrestati dalle forze dell’ordine nella giornata del 3 luglio,che potete leggere e guardare qui in versione completa (http://www.notav.info/top/operazione-hunter-il-dossier-completo-isolaimo-i-violenti/).

La controinchiesta che presentò pubblicamente il movimento notav era basata su foto e video della stessa Procura sulla giornata del 3 luglio, ma le immagini che vennero diffuse erano sfuggite all’occhio e alla sensibilità dei magistrati e degli inquirenti, eppure erano lì ben in vista. L’operazione Hunter fornì elementi precisi per aprire un’inchiesta e rinviare a giudizio non solo il soggetto che oggi è in cronaca, ma un’intera catena di comando che partecipò al pestaggio o non fece nulla per evitarlo. Benchè oggi questa notizia venga usata per dire “vedete che la legge è uguale per tutti” non è assolutamente vero perchè questa vicenda è fatta di omissioni e tentativi di archiviazione palesi.

 Qui il dossier completo di operazione Hunter