movimento — 18 febbraio 2010 at 16:40

Botte e feriti a Coldimosso

Le forze dell’ordine caricano e non si risparmiano neanche le donne

(Una testimonianza dalla rete sui fatti della Val Susa del 17 febbraio)

Scritto da slam.mix
(da: www.autonomamente.net)

Ciò che è successo oggi si commenta da solo, indice di un Governo che non cerca affatto il dialogo con le istituzioni locali ma impone con la forza le proprie decisioni!
Per l’appunto, questo è lo stesso governo che sostenne: “Sondaggi TAV: Arriveremo di giorno con il consenso della popolazione”.
Oggi, alle ore 17.30, presso il presidio di Susa Autoporto si è svolta una riunione dopo la quale, l’assemblea ha deciso di far visita alla trivella arrivata la notte scorsa con lintento di svolgere un sondaggio nella zona di Coldimosso, tra Bussoleno e Susa.
La notte scorsa le forze dell’ordine erano impreparate e numericamente scarse, questa volta si sono fatte trovare pronte.
Le notizie sulla vicenda sono scarse, ma cerchiamo di raccontarvi nel migliore dei modi l’accaduto.
Alle ore 19.00 i manifestanti, ormai nei pressi della trivella, vengono caricati in maniera leggera da parte delle forze dell’ordine.
Alle ore 19.12 le cariche si susseguono e diventano sempre più violente arrivano i primi feriti fra i manifestanti, di cui uno in particolare ha perso momentaneamente l’uso delle gambe, riacquistato poco dopo, in ospedale.
Le botte non risparmiano neanche le donne tanto che le cariche continuano fino alle 19.35 quando una signora (la signora della foto) viene colpita e sanguina vistosamente.

Alla notizia, ovviamente viene messo il bavaglio. Per 1 ora circa non è stato possibile ad accedere al sito internet di Radio BlackOut, radio da sempre in prima linea con le dirette dai presidi.
I Giornali riportano la notizia, ma riportano bugie!
Forse non ricordo bene i meccanismi democratici ma un Governo non dovrebbe rappresentare un popolo?