documenti — 9 marzo 2012 at 14:52

TAV: tutte le bugie del governo Monti da Eco Alfabeta

(da Eco Alfabeta ) Il governo ha pubblicato un opuscoletto propagandistico sul perchè dire sì all’alta velocità in Val di Susa. Peccato che sia pieno di bugie. Qui ve le svelo una per una.

Il governo Monti ha messo on line un opuscoletto volto a intortare l’opinione pubblica a proposito della necessità e della convenienza della TAV in val di Susa. Il testo è pieno di bugie ed omissioni: qui di seguito vediamo le più eclatanti, mentre credo che tecnici ed esperti del settore ne potrebbero trovare ben altre.

La bugia n. 1 riguarda l’idea stessa di corridoio 5 Lisbona-Kiev. La cartina in alto è quella riportata dal governo, tratta da una pubblicazione francese; la mappa in basso è quella della Commisisone Europea. La Lione-Torino non è la vena giugulare che collega il nord con il sud, l’est con l’ovest, come vorrebbero farci credere Monti e Passera, ma un piccolo tassello in una rete molto articolata in cui non vi è traccia del corridoio 5.

Solo un grullo passerebbe da Chiomonte per andare da Londra a Budapest (tra l’altro notate che Parigi non è collegata con Lione e Kiev non è nemmeno presa in considerazione). Inoltre l’assai ipotetico tragitto Lisbona-Kiev via Barcellona-Lione-Torino-Trieste è pari a 4465 km. Il percorso via Bordeaux, Freiburg Dresden è più corto di circa 300 km.

Proseguiamo con l’elenco delle bugie

Bugia n.2 «il collegamento italo-francese è una linea di montagna, che costringe i treni ad una salita di 1250 metri di quota con sovra costi esorbitanti.»

A parte la sintassi un po’ incerta (al massimo si sale a 1250 m di quota), come chiunque può leggere su Wikipedia, la galleria del Frejus si trova a 1338 m di quota, ma la linea parte da Torino a 240 m di quota, con un dislivello di 1098 m. Inoltre, la nuova galleria di base inizierebbe a Chiomonte (748 m); il risparmio in dislivello (1338-748) è pari a soli 590 metri.

Esorbitante è un aggettivo un po’ generico. Ciò che serve è una LCA che ci dica se costa meno (in termini energetici) usare due motrici al posto di una su una linea che esiste già, oppure costruirne una ex-novo.

Bugia n.3 «[la linea] passa attraverso una galleria dove non entrano i containers oggi in uso per il trasporto merci. E’ dunque una linea fuori mercato».

Questa è una bugia grande come una casa. Come si può leggere sulla pagina di Wikipedia linkata prima, i lavori di allargamento della galleria sono iniziati nel 2002 e terminati nel 2006, come spiega anche questo sito tecnico.

Secondo l’Ufficio Svizzero dei Trasporti (Alpinfo 2010), per la galleria può transitare traffico a carri completi e traffico combinato non accompagnato (huckepack e grossi container).

Bugia n.4 «I flussi di interscambio Italia- Francia nel quadrante ovest (da Ventimiglia al Monte Bianco) sono stati negli ultimi dieci anni costanti in quantità (fra 38 e 40 milioni di tonnellate).

Menzogne spudorate: dai dati svizzeri, si vede chiaramente che su ferrovia e su strada nel 2000 (con il traforo del Bianco chiuso) sono transitate verso la Francia 49,7 Mt; la riapertura del Bianco non ha aumentato i flussi complessivi che sono scesi a 47,2  Mt nel 2004 e e solo 42,4 nel 2010 (-14,7% in 10 anni).

Inoltre è inutile tirare in ballo Ventimiglia, che è una direttrice di traffico completamente diversa dalla Val di Susa. Considerando solo la Val di Susa e la Val d’Aosta, siamo passati da 35,2 Mt nel 2000 a 24,1 Mt nel 2010 (-31,5%). E’ calato sia il traffico ferroviario, sia quello stradale.

Bugia n.5 «Questi valori sono superiori (110%) a tutti quelli che interessano la Svizzera. Ma mentre in questo quadrante (italo-elvetico) la ferrovia intercetta il 63% del traffico, nel quadrante italo-francese non arriva al 7%.»

Più che una bugia, è un’omissione: è vero che dalla Francia arriva un po’ più merce che dalla Germania-Svizzera, ma ciò che il governo non dice è che il transito elvetico è aumentato da 29,4 a 38,3 Mt tra il 2000 e il 2010 (+30%), mentre quello francese diminuiva. E’ quindi possibile che già nel 2011 sia avvenuto il sorpasso. Il traffico su ferrovia verso la Francia è pari al 10,38% del totale. Poco, ma sempre più del 7% dichiarato dal governo.

Bugia n.6 «Il progetto non genera danni ambientali diretti ed indiretti. L’impatto sociale … è assolutamente sostenibile.»

Il naso esce dalla finestra come a Pinocchio: dire che spostare 17 milioni di tonnellate di roccia (di cui il 15% amianto per ammissione dello stesso governo) non genera danno ambientale è come dire che un elefante non farebbe danni in una cristalleria. Dicono che il 56% del materiale scavato sarà messo a deposito, ma non dicono dove. Dicono che lo trasporteranno per ferrovia, ma dubito che esistano ferrovie che collegano cave e discariche.

Bugia n. 7 «solo due le amministrazioni esplicitamente contrarie»

Esistono delibere di 25 comuni della valle, più quella della comunità montana, che esprimono opposizione al progetto. Non basta come un’opposizione esplicita? Il fatto che il tracciato non li attraversi tutti è irrilevante, perchè l’impatto economico e ambientale riguarda tutta la valle.

Avendo tempo per documentarsi, l’elenco potrebbe essere assai più lungo di così. Cittadine e cittadini, sulla TAV abbiamo tutti la possibilità di informaci in modo indipendente rispetto alle sirene del governo. Facciamolo!