News — 24 giugno 2011 at 19:53

odg approvato all’unanimità dal consiglio comunale di Chiomonte il 23/06/2011

Ecco l’ordine del giorno approvato ieri sera dal consiglio comunale di Chiomonte all’unanimità dopo le modifiche concordate al testo presentato dalla minoranza consigliare.

OGGETTO: Ordine del giorno presentato dal gruppo di minoranza per il Consiglio del

23 giugno 2011

Considerato che siamo ormai alle battute finali di questa partita che si sta giocando sulla pelle dei cittadini italiani ed in particolare dei valsusini/chiomontini;

Verificato che, come da dichiarazione del Segretario Comunale Dr. Zola,  non esiste al protocollo del comune la documentazione riguardante  il progetto esecutivo del cantiere  di servizio al realizzando tunnel geognostico esplorativo, si chiede che

il Consiglio Comunale di Chiomonte

metta in votazione il seguente

ORDINE DEL GIORNO

1)     ricordato che il ruolo del Sindaco è in primo luogo quello di rappresentante della comunità locale e degli interessi della popolazione che lo ha votato e che, pur nel rispetto delle istituzioni, non è quello di rappresentante  e difensore del governo Centrale, Regionale e Provinciale;

2)     sottolineato che per perpetrare la difesa della comunità locale, il Sindaco può anche correre il rischio di essere sospeso dalla carica o revocato ma ciò non lo esonera dall’obbligo di difendere il territorio da lui governato, la salute dei suoi cittadini  nonché il loro interesse economico;

3)     considerato che la lotta contro la realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità (o capacità o com’altro considerata) Torino-Lione, dopo oltre venti anni di vicissitudini,  ha raggiunto  un  livello di tensione molto alto,  fomentato da dichiarazioni irresponsabili di politici locali nonché da provocazioni di ogni genere e corre pertanto il rischio di sfociare in situazioni di livore e violenza verbale (e non solo) a  livelli  non accettabili;

4)     acclarato che  l’Amministrazione Comunale di Chiomonte non può che essere contraria ad ogni tipo di violenza, da qualunque parte provenga;

5)     dato atto che non è ammissibile risolvere un problema di carattere  squisitamente politico-economico-ambientale, con l’impiego della forza pubblica contro inermi cittadini che strenuamente difendono il loro territorio e conseguentemente militarizzare questo  territorio;

6)     ricordato che il Sindaco  nella sua  lettera prot. 3031 de 27  settembre 2010 indirizzata al Ministero delle Infrastrutture, alla Regione Piemonte ed  al Coordinatore della struttura tecnica avente  oggetto “Osservazioni nell’ambito del procedimento di VIA  Nazionale” dettava una serie di condizioni che risultano ad oggi totalmente disattese (non esiste infatti, come sopra accennato, depositato alcun progetto né documento in genere riguardante l’installazione del cantiere per la realizzazione del  cunicolo esplorativo  “La Maddalena”!) e  precisamente:

– Compensazioni:  la quantificazione di un’aliquota massima del 10% su un importo stimato di 131 milioni di euro, da sottoscrivere prima dell’inizio lavori

– totale contrarietà alla movimentazione del materiale con camion attraverso strade comunali ed agricole; il  trasporto del materiale dovrà avvenire con collegamento diretto, in una prima fase “provvisorio”, con l’autostrada A32, evitando l’utilizzo della viabilità secondaria a tutti i mezzi in questione;

– la restituzione al Clarea della stessa qualità dell’acqua prelevata;,

– l’allestimento nell’area di un laboratorio dedicato per l’analisi in tempo reale della natura delle rocce;

– l’elaborazione di uno specifico piano d’intervento   per le risorse idriche  ed una verifica delle sorgenti presenti nell’area;

– realizzazione di uno strumento informatico per il monitoraggio ambientale a difesa della salute dei cittadini chiomontini;

Tutto ciò premesso:

si stigmatizza la mancata informazione ed approvazione del progetto nonché il fatto che  le aspettative  dell’Amministrazione  Comunale di Chiomonte  relative alla viabilità vengano completamente disattese come confermato dalla Delibera Regionale nonchè dalla delibera   CIPE  del 18.11.2010  che, oltre a non prevedere la realizzazione ed il finanziamento  dello svincolo autostradale né provvisorio né definitivo, prevede invece  l’ampliamento della Via dell’Avanà e della strada di collegamento  con Giaglione che diventerebbero strade di servizio per tutti i mezzi impiegati nel cantiere, creando una situazione  che il Sindaco ha definito da sempre  inaccettabile; inoltre si sottolinea che resta altresì disatteso lo sviluppo delle opportunità complementari  in analogia con quanto avviene in Francia nell’ambito del procedimento della Démarche Grand Chantier che dovrebbero accompagnare la realizzazione dell’opera, come richiesto dal Sindaco  e che invece non sono previste nei sopra menzionati atti CIPE e delibera Regionale;

– si esprime  la contrarietà per la devastazione dei territori agricoli produttivi ed il conseguente danneggiamento irrimediabile delle culture agricole, la compromissione  delle fonti sorgive e  della zona archeologica della Maddalena;

– si ribadisce il rifiuto totale dell’uso della violenza  da qualsiasi parte provenga  e  quale contrasto alle proteste contro la realizzazione del tunnel geognostico  della Maddalena e più in generale contro la realizzazione della  linea ferroviaria Torino Lione,  in quanto non concepibile la militarizzazione di un territorio per  la risoluzione di problemi di ordine pubblico, appellandosi al senso di responsabilità delle autorità competenti.

Si chiede di approvare per appello nominale il  presente  ordine del giorno

Quest’ultimo punto evidenziato è stato modificato come segue:

– si esprime  la contrarietà per la devastazione dei territori agricoli produttivi ed il conseguente danneggiamento irrimediabile delle culture agricole, la compromissione  delle fonti sorgive e  della zona archeologica della Maddalena;

– si ribadisce il rifiuto totale dell’uso della violenza  da qualsiasi parte provenga,e in particolare l’uso della violenza quale  contrasto alle proteste contro la realizzazione del tunnel geognostico  della Maddalena , in quanto non concepibile la militarizzazione di un territorio per  la risoluzione di problemi di ordine pubblico, appellandosi al senso di responsabilità delle autorità competenti, ferme restando le opinioni sull’opera dei singoli Consiglieri.

Il presente ordine del giorno così modificato è stato approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale di Chiomonte nella seduta del 23/6/2011 per alzata di mano.