News — 27 ottobre 2011 at 21:36

2^ tappa del notav tour toscano

Pisa 26 ottobre
2^ tappa del tour toscano
dopo il diluvio universale di Viareggio, Pisa mi offre un mattino pieno di  sole. Anche qui l’accoglienza è calda e generosa!

Arriva un tranquillizzante messaggino di Alessandro e Gianni che sono  rientrati a casa dopo un viaggio notturno assai faticoso sotto la pioggia  battente e con un pesante prolungamento dettato dalla necessità  di passare da Firenze- Bologna a causa della chiusura dell’ autostrada e anche della Cisa, . Simone viene a prendermi e insieme ad altri ragazzi del centro sociale Nebroz  giriamo per Pisa, raccontandoci reciprocamente le nostre esperienze: loro sono molto impegnati sul fronte del diritto alla casa, della difesa dei migranti,  oltre che su quello del sostegno alla nostra lotta. Arriva l’ora di montare il presidio in piazza di fianco al Comune, mentre Ezio  e Tommaso arrivano con due ore di ritardo sempre a causa delle interruzioni che la pioggia ha provocato anche sulla ferrovia: il pensiero che la vera grande  opera in Italia sarebbe quella di occuparsi del dissesto idrogeologico trova  continue conferme. Il presidio in piazza risulta grande e partecipato. Il nostro banchetto offre  gadget di ogni genere accanto a libri e documentazione e tutto viene â€œpreso d’ assalto†. Con il preziosissimo aiuto delle amiche pisane funziona alla grande,  mentre sul computer girano i filmati, intervallati da nostri brevi interventi che vengono seguiti con attenzione e interesse da un pubblico numeroso. Si prosegue spostandoci alla facoltà  di lettere dove i ragazzi hanno  organizzato una cena di finanziamento i cui proventi devolvono al nostro tour  con un’ennesima prova di generosità  e vera condivisione. Intanto sullo schermo  continuano a girare i filmati. Alle 21,30 inizia l’assemblea che vede la partecipazione di un centinaio di  persone, per lo più giovani.
Ci alterniamo negli interventi per dare spazio a un confronto che mette in  evidenza il legame tra la lotta No Tav e la difesa dei beni comuni e l’ interrelazione stretta con il tema tanto attuale del debito pubblico e la perversa politica di tutela del profitto privato Ci salutiamo rinnovando l’impegno a rinsaldare i rapporti e a continuare  seppure a distanza una lotta comune. Domani saremo a Pistoia: il “contatto† Ã¨ Renza Sasso, la sorella della  â€œnostra† Chiara.

Altro giro, altra esperienza. A domani
Saluti No Tav
Gianna, Ezio, Tommaso