post — 30 giugno 2015 at 11:08

Una giornata di lotta intorno al cantiere

[Il commento di Alberto Perino a RadioBlackout sulla giornata notav di domenica – da Infoaut.org]
DSC_4166

Ieri in Val Susa c’è stata un’altra lunga giornata di lotta contro il mega progetto del TAV e il fortino del cantiere che occupa e devasta lo spazio della Maddalena e del parco archeologico. Lo scempio della Val Clarea resta invisibile per chi non vuole avvicinarsi. Ieri migliaia di No Tav hanno cercato di forzare i recinti di jersey alzati ancora una volta dalla gestione soffocante e militare della valle.

Si è cercato di superare barriere di cemento e ferro, di andare oltre ogni sbarramento ma piogge di lacrimogeni non hanno risparmiato nessuno. Ancora una volta la risposta è stata preventiva, vigliacca e arrogante. Ancora una volta delle persone che manifestavano sono state ferite.

Dopo la giornata di ieri bisognerà mettere in campo nuovamente ogni forma intelligente di opposizione e blocco, di presenza di massa e capacità di inceppare la macchina. Cosa di cui il movimento No Tav è capace da molti anni a questa parte, nonostante la dura repressione.

Ascolta il contributo di Alberto Perino qui 

Tags