post — 22 luglio 2018 at 12:21

Serata No Tav in Clarea, ancora fuochi sul cantiere!

Ancora un’iniziativa di protesta ieri sera in Clarea, con centinaia di persone che hanno partecipato alla passeggiata serale organizzata dal campeggio No Tav.

Ritrovati verso le 18,30 a Giaglione, i No Tav hanno preso il sentiero verso il cantiere trovandosi la strada sbarrata dai soliti jersey dietro i quali era predisposto il solito dispositivo della Questura.

Falò e fuochi sul cantiere hanno dato voce alla protesta dei tanti e alla chiara richiesta della chiusura immediata del cantiere e dello stop dei lavori.

Nel pomeriggio si era invece svolto il dibattito, partecipatissimo, con Eddi e Jacopo, di ritorno dalla Siria del Nord.

Dopo decenni di lotta e l’evidenza chiara a tutti di quanto il Tav sia un’opera inutile e dannosa, è giunto il tempo di porre fine alla militarizzazione del territorio e restituirlo a chi lo ama e ci vive.

Con il tunnel geognostico terminato (con funzioni “esplorative”) non un centimetro di quello che dovrebbe far passare il treno è stato costruito.

Oggi si continua con l’iniziativa al confine con la Francia per protestare contro la chiusura dei confini per tutti coloro che venuti da lontano cercano una vita migliore e stasera alle 21.30 dibattito “Dalle grandi opere ai grandi eventi: un No olimpico” a cura di CONO2026.

Vi aspettiamo!