post — 20 aprile 2012 at 10:47

SBANKIAMOLI – Succede in Valsusa!

Gec Art - l'intesa san paolo

Nei pochi giorni feriali che ci separano dalla festa della Liberazione, il 25 aprile, ci teniamo a pubblicare una breve testimonianza di quanto l’iniziativa SBANKIAMOLI abbia sortito sul territorio Valsusino. Di seguito un breve scritto fattoci pervenire tramite Etinomia da Cristina, impiegata valsusina ed attivista NOTAV, che coraggiosamente ha deciso di optare per la più determinata delle azioni di protesta contro l’opprimente settore bancario che finanzia le grandi opere inutili anche con l’inconsapevole contributo dei comuni cittadini titolari di conti correnti presso banche irresponsabili.

Nel proporvi questa bellissima testimonianza, che ben descrive la caratura morale e l’impegno delle persone che formano questo stupendo movimento, ricordiamo a tutti che è importante partecipare a questa iniziativa, secondo le proprie disponibilità, per dimostrare una volta in più che al movimento NOTAV non mancano fantasia e coraggio, e non c’è terreno sul quale non sia disposto a lottare per difendere il proprio territorio dallo scempio e dalla devastazione, non vi è complice o fiancheggiatore degli approfittatori contro i quali avrà timore di rivolgere la propria protesta.

 

“oggi sono andata in Banca Unicredit […] ed ho chiuso il mio conto..naturalmente mi hanno

chiesto, allo sportello, come mai volevo chiuderlo e io ho risposto che avevo aperto un conto

in un’altra Banca. […] La direttrice, presentatasi per l’occasione, mi ha subito chiesto se si trattava dello sciopero che aveva indetto

in questi giorni Etinomia; ho risposto che conoscevo bene Etinomia, che condividevo il pensiero dell’associazione,

e che aderivo all’iniziativa.

La direttrice mi ha detto che loro non finanziano l’opera, come non finanziano le armi e le guerre e mi ha chiesto

se ero così sicura che le altre Banche fossero migliori, io ho risposto che […] penso che il mondo si possa migliorare

e cambiare, che forse è un utopia, che non avverrà in un giorno e che non vedrò io i risultati ma che ci credevo

e che avevo deciso personalmente di compiere azioni per vivere in un mondo migliore. A quel punto mi ha detto che loro avrebbero fatto

presente l’iniziativa ai dirigenti e mi ha chiesto se volevo aspettare prima di chiudere il conto. Io ho ringraziato e

naturalmente fiera della mia scelta, ho chiuso il conto.”

 

Abbiamo ancora qualche giorno per aderire alla campagna nell’ambito della doppia settimana di protesta individuata dall’11 aprile al 25 aprile 2012. Non lasciamoci scappare l’occasione di dimostrare che il movimento NOTAV è in grado di agire con metodi brillanti ed intelligenti, in un paese in cui è stata completamente annientata la consapevolezza del potere che risiede nel risparmio affidato agli istituti di credito.

Ci rubano la terra, il lavoro e l’economia: NOI CI RIPRENDIAMO I NOSTRI SOLDI.

Per le modalità di adesione visita il sito www.sbankiamoli.it.

Per il video della conferenza stampa presso il Centro Studi Sereno Regis, con l’intervento di Alberto Perino, clicca qui