post — 31 maggio 2013 at 21:44

Report del presidio sotto al comune di Susa

970933_10151638934119662_1550443640_nSi è svolta oggi pomeriggio presso il Comune di Susa l’ennesima pantomima a cui l’amministrazione segusina è particolarmente affezionata : la convocazione dei tecnici di LTF perché  fornissero all’amministrazione tutta ( che molto più dei semplici cittadini è degna di ottenere informazioni  a riguardo del  progetto Torino-Lione ) delucidazioni in merito a ciò che dovrebbe devastare Susa nei prossimi trent’anni.

I tecnici erano attesi per le 16.00 ma già dalle 15.00 un nutrito numero di NO TAV presidiava l’entrata del Comune , in attesa degli esperti. All’interno, come al solito barricati  nel “Comune –fortezza “ perché incapaci di qualsiasi tipo di dialogo , il sindaco e alcuni consiglieri di maggioranza. In trepida attesa.

Attorno  a Comune, il solito corollario di forze dell’ordine a difesa delle “istituzioni”.

Sfilavano poco dopo ,tra due ali di NO TAV anche  alcuni consiglieri di minoranza , questa volta invitati all’incontro , ma  dopo pochi minuti , quando ancora i tecnici parevano una chimera , due di loro abbandonavano il Comune per protesta in quanto il sindaco , in assenza  evidente di tecnici LTF, si era proposta come “esperto” in lettura progetti…..

Quando alle 17.00 pareva che ormai  LTF avesse declinato l’invito , ecco comparire nella piazzetta adiacente il Comune quattro defender dei Carabinieri , farciti di truppa in antisommossa.

Sconcerto dei passanti segusini, non ancora avvezzi al simpatico fenomeno della “militarizzazione del territorio”  e volontà determinata dei presidianti di restare sul posto.

Poco dopo ecco svelato l’arcano : il dispiegamento di forze anticipava l’arrivo di Gallarà ( LTF ) , evidentemente personaggio ben più in vista del sindaco di Susa , protetta soltanto dalle FFOO locali…..

I presidianti davano il benvenuto in puro stile NO TAV , con bandiere e contestazioni sonore.

Dopodiché , poiché in fondo i quattro gatti rinchiusi nel palazzo non meritavano tanta attenzione , i presidianti decidevano di andarsene.

Non così le truppe in antisommossa che hanno bloccato per parecchio tempo il traffico nella via antistante il Comune , con grande fastidio dei residenti che , ahimé, non hanno ancora ben capito che cosa potrebbe attenderli in un prossimo futuro……

Doriana Tassotti