post — 5 gennaio 2017 at 14:58

Padalino ancora bocciato, il Riesame libera i 5 notav contro le trivelle Terna

Stamane il tribunale del riesame ha annullato totalemente l’ordinanza cautelare disposta dal gip dietro richiesta di Padalino a danno di 5 No Tav il 20 dicembre scorso.

Nell’operazione in questione, 23 No Tav erano stati denunciati, con solerti annotazioni dei carabinieri di Susa, per le iniziative di contrasto alle trivelle dei carotaggi di Terna avvenuti tra il dicembre del 2015 e il febbraio del 2016 (vedi Denunce e misure cautelari per i notav che si sono opposti alle trivelle di Terna)

Iniziative per noi legittime, contro il progetto del mega elettrodotto che avrebbe dovuto attraversare la Valle verso Piossasco dalla Francia proposto ben prima del progetto dell’Alta Velocità e che in valle ha sempre trovato la popolazione contrapporsi.

Il Riesame dunque, per mano del giudice Capello (lo stesso che aveva già assolto i No Tav per terrorismo in corte d’Assisi), ha liberato completamente i 5 che erano ancora sottoposti a misure cautelari (tra cui Nicoletta), quali divieti di dimora e obbligo di firme quotidiane.

Gip e il pm Padalino totalmente sconfessati , a dimostrazione di un accanimento giudiziario che da tempo denunciamo e di un comportamento ridicolo che la procura continua a mettere in scena.

Nel festeggiare la liberazione di Nicoletta, Paolo, Luciano, Andrea e Giorgio, ricordiamo a tutti l’appuntamento di oggi alle 18 sotto al Carcere delle Vallette per Luca, Donato e Stefano.

Libertà per tutti i No Tav!