post — 21 dicembre 2011 at 17:01

Carossa, prima di parlare pensi a Bossi!

Pubblichiamo la lettera scritta dal Comitato di Condove rispetto alle dichiarazioni di Carossa su Alberto Perino.

Sig. Carossa,

leggiamo le sue dichiarazioni in merito allo squallido episodio di cui lei è stato protagonsta ieri in occasione della conferenza stampa del Movimento 5 Stelle.

Lei ha affermato, a sostegno della sua opposizione all’ingresso di Alberto Perino a Palazzo Lascaris “Perino che ha in più sedi insultato le forze dell’ordine, che ha violato più volte la legge, inneggiato ai black bloc, incitato alla violenza plaudendo alle aggressione alle forze dell’ordine e che si ritiene a ogni piè sospinto al di là della legge, vada a fare i suoi comizi altrove. Sono dunque soddisfatto della decisione presa oggi dal Presidente del Consiglio regionale Cattaneo, che con rigore e correttezza ha semplicemente fatto rispettare il regolamento”.

Ora, la totale inesattezza delle sue affermazioni, aspetto che trova facile riscontro da una semplice lettura delle rassegne stampa, sta a dimostrare che questa normale opera di informazione non avviene nel suo gruppo consiliare altrimenti le sue dicbiarazioni sarebbero state diverse; a meno che lei non sia in malafede ma riteniamo che questa sia un’ipotesi remota vista la coerenza con cui la Lega Nord si comporta, soprattutto in queste ultime settimane.

Se è possibile che lei non legga la rassegna stampa oppure abbia una memoria limitata, sempre considerando la sua buona fede, appare strano che non si ricordi nemmeno le dichiarazioni del suo leader Umbero Bossi, aspetto che non depone di certo a suo favore.

Per porre rimedio a questa sua lacuna, le alleghiamo solo alcune citazioni del suo leader con i loro riferimenti, consigliamo anche a lei di effettuarre una ricerca, magari su Google o Wikipedia, la cosa le prenderà poco tempo perchè sono migliai i siti che le riportano; forse ci metterà un pò di più a leggere ed a capire il tutto.

Se c’è qualcuno non degno di sedere in Consiglio Regionale, crediamo che sia proprio lei in quanto esponente di un Partito il cui capo e Llader Maximo nel corso degli anni ha affermato (solo ad esempio):

A me i negri stanno simpatici. Loro non possono egemonizzarci. I meridionali sì, perché hanno in mano lo Stato

Il tricolore lo metta nel cesso, signora. Ho ordinato un camion a rimorchio di carta igienica tricolore, personalmente, visto che è un magistrato che dice che non posso avere la carta igienica tricolore

Quando vedo il tricolore mi incazzo. Il tricolore lo uso per pulirmi il culo

Si va al voto, oppure facciamo la rivoluzioneFacciamo la lotta di liberazione. Ci mancano un po’ di armi ma le troviamo.

Se necessario, per fermare i romani che hanno stampato queste schede elettorali che sono una vera porcata, e non permettono di votare in semplicità e chiarezza, potremmo anche imbracciare i fucili

Berlusconi è l’uomo della mafia. È un palermitano che parla meneghino, un palermitano nato nella terra sbagliata e mandato su apposta per fregare il Nord. La Fininvest è nata da Cosa Nostra.

L’intelligenza  la dignità ed il senso della misura (non quella a cui si riferisce normalmente il suo capo) purtroppo sono merce rara, e se lei ne è privo non è colpa sua, abbia almeno la furbizia di stare zitto quando è il momento, ed ieri lo era.

Comitato No Tav Condove