post — 29 marzo 2012 at 22:16

La Procura risponde all’Operazione Hunter debolmente

Apprendiamo dalle agenzie di stampa che sarebbero 20 i fascicoli aperti a carico delle forze dell’ordine per fatti riguardanti la Valsusa, precisamente :“Sono una ventina i fascicoli di indagine aperti dalla procura di Torino dopo le denunce di attivisti No Tav che accusano di violenze e maltrattamenti uomini delle forze dell’ordine. Gli accertamenti sono in corso ma spesso sono complicati dal fatto che, in diversi casi, le persone offese non rendono dichiarazioni utili o preferiscono non presentarsi dai magistrati, o perche’ sono a loro volta indagate o perche’ affermano di non essere in grado di identificare i responsabili.(ANSA).”

Riteniamo questa risposta debole perchè innanzitutto continuiamo a denunciare l’inattività della Procura in merito ai fatti che l‘operazione Hunter denuncia, visto che se i fatti documentati dalle immagini fossero stati seriamente presi in esame avrebbero portato a misure cautelari probabilmente più di un agente.

Ci risultano oltre 20 le denunce presentate da notav tra cui quelle pr diffamazione, calunnia ecc…

Inoltre, il voler continuare a sottolineare che “le persone offese non rendono dichiarazioni utili o preferiscono non presentarsi dai magistrati, o perche’ sono a loro volta indagate o perche’ affermano di non essere in grado di identificare i responsabili.” denota un voler sminuire le denunce dei notav e non comprendere il perchè si faccia fatica a fidarsi di una procura che indaga a senso unico, come continua ad essere evidente.