post — 9 maggio 2012 at 19:24

“Da giovedì 10 maggio sarò in sciopero della fame” da Antonio Ginetti

Il 16 aprile il G.I.P. di Torino respingeva l’ istanza dei miei avvocati tesa ad ottenere un alleggerimento degli Arresti Domiciliari.

La motivazione  stava nella mia: “mancata presa di coscienza e di critica di quanto commesso”

In tal modo il GIP torinese non solo mi riconfermava gli Arresti domiciliari, ma mi toglieva il diritto a rivendicare la mia estraneità ai fatti contestatimi, mi toglieva la “PRESUNZIONE D’INNOCENZA.

 

Il 26 aprile presentavo una richiesta di permesso ad uscire per recarmi al lavoro.

 

a)     questo non influiva nella realtà dei Domiciliari, in quanto chiedevo solamente

di uscire per il tempo del lavoro. Dunque non il sabato e la domenica. E comunque i Domiciliari rimanevano.

b)     Nella richiesta scrivevo: “mi rendo disponibile, previo accordo…a presentarmi 

      quotidianamente alla polizia Giudiziaria per controlli”

c)      il sottoscritto vive solamente del proprio onesto lavoro. Dal 1986 sono iscritto alla Camera di Commercio quale Ditta individuale.

 

La risposta del G.I.P. anche su questo è stato il rigetto.

 

Con la motivazione che: “la dichiarazione di non aver nè orari nè sede rende l’attività incompatibile con la misura domiciliare;

 

Dopo avermi tolta la “PRESUNZIONE D’INNOCENZA”, ha voluto pure togliermi il diritto al proprio mantenimento.

 

Non potendo contare ancora sui miei risparmi, considerato l’allontanamento dal lavoro che si protrae dal 26 gennaio, mi trovo in grosse difficoltà economiche.

Pertanto non mi rimane che utilizzare l’unico strumento in mio possesso per oppormi a questo che considero unicamente un accanimento repressivo.

Da giovedì 10 maggio sarò in sciopero della fame.

 

Pistoia  9 maggio 2012                                                                  Antonio Ginetti