post — 17 giugno 2012 at 00:31

Chi comanda Torino. Presentazione sab.23 al campeggio NOTAV

Sabato 23 giugno al campeggio notav, alle 18 presentazione del libro di Maurizio Pagliassotti, Chi comanda Torino. Interverrà l’autore.

HANNO PENSATO UNA METROPOLI SENZA LA FIAT CON DUE SOLE ALTERNATIVE: IL DEBITO E IL CEMENTO. CHI DECIDE LE SORTI DELLA CITTÀ?

Torino oggi è la città più indebitata d’Italia, messa sul lastrico dai Grandi eventi – come le Olimpiadi invernali del 2006 – e dalle Grandi opere. Torino è anche una metropoli anomala la cui programmazione economica è decisa a tavolino dagli istituti di credito. E che vede, contemporaneamente, il Comune primo azionista della Compagnia di San Paolo e Intesa Sanpaolo come maggior creditore del Comune stesso. Chi comanda Torino è dunque un grumo di potere stabile da circa venti anni. Un nucleo ristretto di uomini, e qualche donna, che sta tentando di inventare una metropoli moderna che possa vivere senza la Fiat, con solo due risorse a disposizione: il debito e il territorio da edificare. Ma con la crisi economica che ha investito il Paese, il meccanismo si è inceppato, mostrando le sue tante fragilità e, soprattutto, i rischi ad esso connessi. Chi ha deciso e decide le sorti di Torino? Dove sono i veri centri del potere? Un corpuscolo molto, troppo influente, che si confonde tra i Palazzi della politica piemontese, tenendo in pugno i rappresentanti del popolo. Con una sola differenza rispetto al passato: chi ha comandato (e comanda) Torino oggi sta comandando anche l’Italia.