movimento — 25 settembre 2010 at 21:44

Rivalta-Rivoli: in 6000…a sarà dura!(Per voi)

Grande marcia quella di oggi tra Rivala e Rivoli. In seimila abbaimo sfilato rafforzando il no tav della Valsangone, vivo e reattivo dopo i sondaggi di quest’inverno. La marcia ha raggiunto il risultato non scontato di portare anche in Val Sangone le bandiere no tav in numero sufficiente a dire siamo ovuneque, e così è stato. ora che il tracciato è conosciuto non si può più dire “non lo sapevo”, e quindi la risposta sta crescendo giorno dopo giorno.

I comitati della Valsangone hanno organizzato tutto alla perfezione e da Rivalta a Rivoli hanno manifestato due Valli con un unico obbiettivo: fermare il Tav. E ci siamo lasciato con la consapevolezza di poterlo fare, come oggi, come questo inverno, come nel 2005, come domani, il 9 di ottobre quando marceremo in difesa della nostra valle con gli amministratori a fianco del popolo no tav.

Dal palco di Rivoli (fine manifestazione):

  • A proposito di lavoro: Nicoletta del comitato No Tav di Bussolena ricorda un minatore morto da poco cha ha anche lavorato nella tratta del Mugello del Tav, denunciandone le condizioni (ascolta)
  • L’intervento di Enzo, presidiante della val sangone, ha donato il suo terreno per la costruzione del presidio (Ascolta)
  • Sandro Plano, in rappresentanza dgli amministratori della Val Susa, ribadisce la posizione ed in vita alla manifestazione del 9 ottobre (Ascolta)
  • Alberto Perino tranquillizza i manifestanti e annuncia battaglia nei tribunali contro LTF (riproduciamo un estratto del lungo intervento) (ascolta )
  • L’intervento di Lele Rizzo

[nggallery id=17]